Socializzate

Di come si conclude questa storia

  CAPITOLO 18 C’era molta gente nella sala del Campidoglio, per lo più stampa, ma anche esponenti del movimento “Tango per cambiare“ e turisti che volevano farsi una foto con il futuro sindaco della capitale. L’auto di Donado era già arrivata, erano arrivati anche i rappresentanti della Black Industry. Manila entrava e usciva da una stanza la cui porta era accostata, dentro si vedeva il candidato sindaco seduto in attesa, in piedi accanto a lui un tizio in giacca, cravatta e semiautomatica. C’era nervosismo, Rocco ...

Dei quattro in azione e di un buon piano

    CAPITOLO 16 La luna riflessa nell’acqua scura sembrava ancora più luminosa. Una scarpa le galleggiava accanto e ogni tanto spinta dalla corrente la calciava mandandola in frantumi, frammenti che si allungavano e contraevano per poi tornare a ricomporla. «Joyce in posizione, bersaglio acquisito» gracchiò Poly negli auricolari. Era stata un’idea di Andrea quella di usare come nome in codice quello di scrittori famosi. Era cosi entusiasta quando l’aveva proposta che nessuno se l’era sentita di negargliela. «Proust sono quasi in posizione.» rispose Emil. In realtà ...

Di un’importante scoperta e della formazione della squadra

  Capitolo 14 Arrivarono al casale che era ormai sera, Emil li lasciò e andò a far sparire l’arma. Andrea e Roberto si misero subito al lavoro per trovare in rete quante più informazioni su Temistocle, ma la ricerca era infinita, era un nome proprio, quindi usciva di tutto, dovevano fare una cernita basata per lo più sull’intuito. «Qui ho trovato una cosa!» Disse Roby richiamando l’attenzione dell’amico «Il “Temistocle“ è una tragedia di Artemide da Samo ritenuta il suo capolavoro» «Di che parla?» Chiese ...

Dell’informatore e del vecchio circo

Capitolo 12 «Non mi sembra una buona idea!» commentò Roby seduto al tavolo della sala riunioni, mentre andava alla deriva in rete. Tornati all'ovile, dopo dopo essere sfuggiti a La Mano, cercavano di rilassarsi, o almeno era quello che cercava di fare Roby, ma Andrea non trovava pace. Andare al funerale di Igor era la sua ultima pensata. «È un amico e poi potremmo trovarci l'assassino. Si dice che vada sempre al funerale della sua vittima» fece notare. «Appunto! Ribadisco, non mi sembra una ...

di come PCM incontra La Mano

    Capitolo 11 «Si tratta di un software di perlustrazione» spiegò Roby mentre armeggiava con il suo portatile «l’ho chiamato Cerebro in omaggio a…» «So cos’è Cerebro» lo interruppe Andrea, aveva in mano due tazze fumanti di caffè d’orzo, unico tipo di caffè che poteva prendere, a quell’ora del pomeriggio, per non compromettersi il sonno. Si accomodò vicino all’amico e gliene passò una. «L’ho progettato proprio con lo scopo di poter cercare in rete il significato di combinazioni numeriche che non abbiano apparentemente senso» ...

Dell’irlandese e di un possibile agguato

CAPITOLO 9 Raggiunsero il casale, entrarono e si barricarono. «Questo posto non è più sicuro» Roby prese il portatile, lo ficcò in una sacca e andò a raccogliere altre cose che potevano servirgli. Andrea si lasciò cadere sul divano «In realtà questo è il posto più sicuro. Chi potrebbe mai pensare che siamo così coglioni da tornare di nuovo qua» osservò. «Vorrei farti notare che noi siamo tornati qua» commentò Roby andandosi a sedere anche lui sul divano. «Pur non essendo nata sotto quell’aggettivo, la ...